eduaction

Vai ai contenuti

Menu principale:

 

eduaction

è un'Associazione di Volontariato
ed ha per oggetto la crescita culturale, civica-sociale, intellettuale ed etica di ogni persona, operando democraticamente senza distinzione di sesso, di genere, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali, con particolare attenzione alle categorie in situazioni di svantaggio culturale, socio-economico e linguistico.
L’associazione non può svolgere attività diverse da quelle sotto indicate ad eccezione di quelle a esse strettamente connesse o di quelle accessorie a quelle statutarie, in quanto integrative delle stesse.
Per il raggiungimento dello scopo sociale l’Associazione potrà svolgere le seguenti attività:
a) progettare, promuovere e gestire - motivando alla partecipazione, alla solidarietà e al pluralismo - iniziative ed attività culturali, civiche, educative, linguistiche, ricreative, assistenziali, formative, motorie, sportive, turistiche, di formazione professionale, di valorizzazione del patrimonio culturale, operanti anche nel settore penitenziario e socio-sanitario, per il soddisfacimento di interessi collettivi nello spirito di promozione della cittadinanza attiva nazionale ed europea;
b) Attività culturali, formative, laboratoriali, professionali, lavorative e teatrali, anche in collaborazione con Enti, con il Ministero della Giustizia per le attività con i detenuti, con altre Associazioni e con privati sul territorio;
c) Attività culturali, formative, laboratoriali, professionali anche nel campo Ambientale, Biotecnologico, Energetico e del Territorio;
d) Analisi, incontri e confronti in merito alla disabilità e alle categorie in situazioni di disagio e svantaggio socio-economico, linguistico e culturale: attività culturali, formative, laboratoriali, professionali anche nel campo dell’Accoglienza ed inclusione, comprese attività  motorio-sportive.

“Nessuno educa nessuno, nessuno si educa da solo.
Gli uomini si educano insieme, con la mediazione del mondo."
(Paulo Freire - Pedagogia degli oppressi)

“La povertà dei poveri non si misura a pane, a casa, a caldo.
Si misura sul grado di cultura e sulla funzione sociale………
La distinzione in classi sociali non si può dunque fare sull’imponibile catastale, ma su valori culturali.”
(don Lorenzo Milani - Da Esperienze pastorali – 1957)

"Se voi avete il diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri, allora io dirò che, nel vostro senso, io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dall’altro.
Gli uni son la mia Patria, gli altri i miei stranieri."
(don Lorenzo Milani - L’obbedienza non è più una virtù)

”Chi sa volare non deve buttar via le ali per solidarietà coi pedoni,
deve piuttosto insegnare a tutti il volo.”
(don Lorenzo Milani - Da Esperienze pastorali – 1957)

"Forse non abbiamo mai avuto altra scelta che tra una parola folle e una parola vana, e quelle folli non sono parole insensate.
Sono parole che hanno un significato inatteso, parole da cui nasce il desiderio di una ricerca per incontrare risposte essenziali.
Per incontrare La Risposta."
(Christian Bobin - L'uomo che cammina)

"Ulisse: l'uomo, pur dotato che sia dalla natura, per quanto abbia dentro di se o fuori, non può vantarsi di avere ciò che ha, ne sente ciò che ha se non di riflesso;
come quando le sue virtù, brillando su altri, li riscaldano e quelli restituiscono il calore al primo che l'ha dato."
(W. Shakespeare)

Educare alla cittadinanza deve essere un impegno educativo quotidiano dei docenti perché i ragazzi devono sapere che ...
"La libertà non è star sopra un albero... la libertà è partecipazione."

© Tutti i diritti sono riservati ed appartengono ai rispettivi proprietari. Sito senza alcun scopo di lucro.
Si ringraziano: "i Disadattati di cuore", "i Fermani" e lo staff "Mazzocchi regna..."
© Copyright e Note Legali (C. Santini)

 
Torna ai contenuti | Torna al menu